Nel tempo averso om de' prender conforto

Bonagiunta Orbicciani

Guido Zaccagnini/Amos Parducci XIII secolo Indice:Rimatori siculo-toscani del Dugento.djvu Duecento Nel tempo averso om de’ prender conforto Intestazione 16 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rimatori siculo-toscani del Dugento
[p. 90 modifica]

SONETTO DI DUBBIA AUTENTICITÀ

Spera di ritornar lieto.

Nel tempo averso om de’ prender conforto
e con francheza inardir lo su’ core,
che vilitate no gli dia isconforto,
perché perisca per troppo temore.
Neiente vai chi sé giudica morto,
se non contrasta, quanto pò, ’l martore;
che ’l tempo muta ispessamente porto
e torna in alegreza lo dolore.
Cosi spero in alegreza tornare
e per sofrenza vincer lo tormento,
ch’aggio patuto e pato per sofrire.
L’aulente fior, che solca sormontare
ogn’altra di fin pregio e valimento,
su’ sfogliamento omai de’ renverdire.