Apri il menu principale

Mostrar vorria in parvenza

Iacopo Mostacci

XIII secolo M poesie duecento Mostrar vorria in parvenza Intestazione 12 settembre 2008 75% poesie

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

 
Mostrar vor[r]ia in parvenza
ciò che mi fa allegrare
s’ausasse adimostrar lo mio talento;
tacer mi fa temenza,
ch’io non auso laudare5
quella in cui è tut[t]o compimento.
Come quelli che gran tesauro à ’n baglia
e no lo dice, anzi n’è più argoglioso
e sempre n’à gran’ gioia con paura,
così ad ogn’ura10
lo grande ben c’Amore m’à donato
tegno celato,
vivonde alegro e sonde più dottoso;
e chi non teme, non ama san faglia.
Voglia tanto m’abonda15
che temo lungiamente
no la posso covrir nulla manera,
ca ’n me par che s’asconda
troppo isforzatamente
amor di core che no pare in ciera,20
e poi ch’io fosse da tal donna amato,
com’eo, che se contare le volisse
le sue belleze, certo non por[r]ia,
poi si savria
qual’ este quella donna per cui canto:25
ond’io infratanto
celar lo vo’, c’a morte no venisse,
chè buon tacere a dritto no è blasmato.
Amor si de’ celare
per zo che più fine ene30
ca nulla gioi c’a esto mondo sia;
e ’n lui tal cosa pare
che già d’altrui no avene:
c’ogn’om golea fama e segnoria,
ed egli, ove più pote, più s’asconde:35
se vene in pala perde sua vertute
medesmamente a colpa de l’amante.
Però c’avante
de’ omo andare in cosa che ben ama,
ca per ria fama40
gran gioe e gra[n] ric[c]heze son perdute
e re[a] parola gran fatto confonde.