Apri il menu principale

Madonna mia, quel dì ch'Amor consente

Guido Guinizzelli

XIII secolo M sonetti duecento Madonna mia, quel dì ch'Amor consente Intestazione 18 settembre 2008 75% sonetti

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

 
Madonna mia, quel di ch’Amor consente
ch’i’ cangi core, volere o maniera,
o ch’altra donna mi sia più piacente,
tornerà l’acqua in su d’ogni riviera,

5il cieco vederà, ’l muto parlente
ed ogni cosa grave fia leggera:
sì forte punto d’amore e possente
fu ’l giorno ch’io vi vidi a la ’mprimiera.

E questo posso dire in veritate:
10ch’Amore e stella fermaron volere
ch’io fosse vostro, ed hanlo giudicato;

e se da stella è dato, non crediate
ch’altra cosa mi possa mai piacere,
se Dio non rompe in ciel ciò c’ha firmato.