Apri il menu principale
Bondie Dietaiuti

XIII secolo M poesie duecento Madonna, me è avenuto simigliante Intestazione 18 settembre 2008 75% poesie

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

 
Madonna, me è avenuto simigliante
com de la spera a l’ascelletta vene,
che sormonta, guardandola, ’n altura
e poi dichina, lassa, inmantenante
5per lo dolzore ch’a lo cor le vene
e frange in terra, tanto si ’namura.
Così, primeramente ch’eo guardai
lo vostro chiar visagio,
che splende più che ragio,
10distrettamente, donna, innamorai.
E così sormontai, donna, vegendo
che mi donò Amore l’ardimento
di voi amar, sovrana di bieltate;
ma sospirando, lasso, e piangendo
15son dichinato poi va in perdimento
per me merzè e frango in [im]pietate.
Ma più m’agrada l’amoroso foco,
ov’è ’l mio core ardente,
per voi, vista piagrente,
20che per un’altra aver so[l]lazo e gioco.
E però v’adomando solamente,
per Dio, ch’agiate a grado il mio servire,
poi ch’io gradisco l’amoroso affanno;
e se volete ch’io sia dipartente
25da voi amar, convenevi partire
da voi li sguardi, che languir mi fanno,
e poi lo dolze riso, per ch’io incoro,
e la bieltà c’avete;
e, se questo farete,
30forse mi parto, se [mi] disamoro.
Madonna, ben ò inteso che lo smiro
aucide ’l badalischio a la ’mprimera;
di voi similemente m’è avenuto
per un vedere ond’io piango e sospiro,
35che ’nmantenente m’al[l]umò la spera,
onde coralemente son feruto.
Oimé, chiaro miraglio ed amoroso,
sì per lo primo sguardo
vi ’maginai, ond’ardo,
40nè del mio cor non fui mai poderoso.
Però, canzon, va dire ad ogni amante
che lo veder mi par la prima cosa
per c’om più si ’namora per usanza,
avegna che ’l piacere è la fermante;
45e ciò com ferma e ’n esso si riposa,
adesso cresce sanza dubitanza;
e saccio ben ca non var[r]ia neiente
veder, se non piacesse
ch’amor se n’apre[n]desse;
50ma da che piace, aprende tostamente.