Apri il menu principale
Guido Guinizzelli

XIII secolo M poesie duecento Madonna, il fino amor ched eo vo porto Intestazione 18 settembre 2008 75% poesie

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

 
Madonna, il fino amor ched eo vo porto
mi dona sì gran gioia ed allegranza,
ch’aver mi par d’Amore,
che d’ogni parte m’aduce conforto,
quando mi membra di voi la ’ntendanza,
a farmi di valore,5
a ciò che la natura mia me mina
ad esser di voi, fina,
cosi distrettamente innamorato
che mai in altro lato
Amor non mi pò dar fin piagimento:10
anzi d’aver m’allegra ogni tormento.
Dar allegranza amorosa natura
senz’esser l’omo a dover gioi compire,
inganno mi simiglia:
ch’Amor, quand’è di propia ventura,15
di sua natura adopera il morire,
così gran foco piglia;
ed eo, che son di tale amor sorpriso,
tegnom’ a grave miso
e non so che natura dé compire,20
se non ch’audit’ ho dire
che ’n quello amare è periglioso inganno
che l’omo a far diletta e porta danno.
Sottil voglia vi poteria mostrare
come di voi m’ha priso amore amaro,25
ma ciò dire non voglio,
ché ’n tutte guise vi deggio laudare;
per ch’e’ più dispietosa vo’n declaro
se blasmo vo’nde toglio.
Fiemi forse men danno a sofferire,30
ch’Amor pur fa bandire
che tutta scanoscenza sia in bando,
e che ritrae ’l comando
a l’acusanza di colui c’ha ’l male:
ma voi non blasmeria; istia, se vale.35
Madonna, da voi tegno ed ho ’l valore;
questo m’avene, stando voi presente,
che perd’ ogni vertute:
ché le cose propinque al lor fattore
si parten volentero e tostamente40
per gire u’ son nascute;
da me fanno partut’ e vène ’n voi,
là u’ son tutte e plui;
e ciò vedemo fare a ciascheduno,
ch’el si mette ’n comuno45
più volenteri tra li assai e boni,
che non stan sol’, se ’n ria parte no i poni.
In quella parte sotto tramontana
sono li monti de la calamita,
che dàn vertud’ all’aire50
di trar lo ferro; ma perch’ è lontana,
vòle di simil petra aver aita
per farl’ adoperare,
che si dirizzi l’ago ver’ la stella.
Ma voi pur sète quella55
che possedete i monti del valore,
unde si spande amore;
e già per lontananza non è vano,
ché senz’ aita adopera lontano.
Ahi Deo, non so ch’e’ faccia ni ’n qual guisa,60
ché ciascun giorno canto a l’avenente,
e ’ntenderme non pare:
ché ’n lei non trovo alcuna bona entisa
und’ ardisc’ a mandare umilemente
a lei merzé chiamare;65
e saccio ch’ogni saggio e’ porto fino
d’Amor che m’ha ’n dimino;
ch’ogni parola che a ciò fòri porto
pare uno corpo morto
feruto a la sconfitta del meo core,70
che fugge la battaglia u’ vince Amore.
Madonna, le parole ch’eo vo dico
mostrano che ’n me sia dismisura
d’ogni forfalsitade;
né ’n voi trova merzé ciò che fatico,75
né par ch’Amor possa per me drittura
sor vostra potestade;
né posso onqua sentire unde m’avelle,
se non ch’e’ penso bene
ch’Amor non pori’ avere in voi amanza;80
e credolo ’n certanza,
ch’elo vo dica: "Te·llo innamorato,
ch’a la fine poi mora disamato".
D’ora ’n avanti parto lo cantare
da me, ma non l’amare,85
e stia ormai in vostra canoscenza
lo don di benvoglienza,
ch’i’ credo aver per voi tanto ’narrato:
se ben si paga, molto è l’acquistato.