Ma' non senti' tal doglia

Franco Sacchetti

XIV secolo Indice:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu ballate Letteratura Ma’ non senti’ tal doglia Intestazione 16 ottobre 2016 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime scelte di poeti del secolo XIV/Franco Sacchetti


[p. 368 modifica]

     Ma’ non senti’ tal doglia
Quant’è con fede amare
Donna, che abbandonare
4Po’ mi convien e gir contro a mia voglia.
     Amor, tu mi facesti
Venir in un paese da me strano,
E in quello mi prendesti
8Per farmi poi da’ begli occhi lontano.
Il mare il monte e ’l piano
Non so com’io trapassi,
Ch’e’ mie’ dogliosi passi
12Non mi mettan ogn’ora a mortai doglia.
     Come potrà soffrire
Il cor penoso che la luce mia
Si convegna partire
16Da quella che veder sempre disìa?
Lasso!, ch’al tutto fia
Distrutta mia valenza,
Quando la sua presenza
20Mi vedrò allungar con grave doglia.
     Una speranza alquanto
La mente trista imaginando porta,
Che tal’or nel mio pianto
24Giugne il pensier che dice — Or ti conforta;

[p. 369 modifica]

Chè la dimora corta
Sarà, se tu vorrai,
E ritornar potrai. —
28Ma questo ogn’or m’accende maggior doglia.
     Ballatetta, con pena
Mi movo, e venne sì come colui
Che alla morte si mena,
32Senza sperar d’aver aiuto altrui.
Però tu sola, in cui
Ogni mio stato posa,
Rimanti dolorosa
36Cantando a questa donna la mia doglia.