Lettera a Evelina Cattermole (ottobre 1876)

Mario Rapisardi

1876 Lettere letteratura Lettera a Evelina Cattermole Intestazione 18 settembre 2008 75% Lettere

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Milano, ottobre 1876


Carolina cambia cambia....

L'ho sentita or ora, proprio al momento che finisco di leggere la vostra lettera. E' strano! Mi pare impossibile che voi non siate qui. C'è tanto di, voi in questo benedetto paese! A ogni svolto di cantonata dico fra me: ora incontrerò la mia Linuccia! Ci son tante che vestono come voi. Ma che! nessuna, nessuna vi somiglia. E questo mi piace. Se ci fosse una donna che osasse somigliarvi anche poco, anche da lontano, io vi vorrei meno bene.

Stamane verso le sei, Milano era tutta avvolta nella nebbia. Il Duomo era meraviglioso; le sue fantastiche guglie si confondevano col cielo. Quante volte l'avrete vedute così e vi sarà parso di volare, di volare, malinconica Peri, sostenuta dalle ale di un angelo o dell'amore, e d'immergervi nella infinita voluttà della luce, e sparire in un raggio di sole! Io vi ho dinanzi a questo eterno conquistatore dell'anima che si chiama l'Amore. Ho inclinato la fronte dinanzi a lui, e ho ripetuto piangendo il suo nome.