Leon, che chiuso entro il natio covile

Malatesta Strinati

Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Leon, che chiuso entro il natio covile Intestazione 30 giugno 2018 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Malatesta Strinati


[p. 394 modifica]

III1


Leon, che chiuso entro il natìo covile
     Crescer si senta al piè l’acuto artiglio,
     Sdegna ozio inerme, ed ave ogni esca a vile,
     Che non provochi all’ire il suo periglio.
5Quindi per le campagne ampie Massile,
     Compagno al padre, e non dissimil figlio,
     Gli armenti assalta, e fa del sangue ostile
     De’ giovenchi sbranati il suol vermiglio.
Sicuro poi del suo valor più fiero
     10Occupa il bosco, e del feroce sdegno
     Tutto d’Africa il Pian sente l’impero.
Tal esci in guerra, o generoso, o degno
     Germe guerrier di Genitor guerriero:
     Che angusto spazio a sì grand’Alma è un Regno