Le rime di M. Francesco Petrarca/Sonetto CCCIII

Sonetto CCCII Sonetto CCCIV

[p. 246 modifica]

SONETTO CCCIII.


DOnna, che lieta col Principio nostro
     Ti stai, come tua vita alma rechiede,
     Assisa in alta et gloriosa sede,
     4Et d’altro ornata che di perle o d’ostro,
O de le donne altero et raro mostro,
     Or nel volto di Lui che tutto vede
     Vedi ’l mio amore, et quella pura fede
     8Per ch’io tante versai lagrime e ’nchiostro;
Et senti che vèr te ’l mio core in terra
     Tal fu, qual ora è in cielo, et mai non volsi
     11Altro da te che ’l sol de li occhi tuoi:
Dunque per amendar la lunga guerra
     Per cui dal mondo a te sola mi volsi,
     14Prega ch’i’ venga tosto a star con voi.