Apri il menu principale

La Cortigiana (1525)/Atto quinto/Scena quindicesima

Atto quinto
Scena quindicesima

../../Atto quinto/Scena quattordicesima ../../Atto quinto/Scena sedicesima IncludiIntestazione 2 giugno 2008 75% Teatro

Atto quinto - Scena quattordicesima Atto quinto - Scena sedicesima

Aloigia e Rosso.

Aloigia
Egli è seco in camera e fremita come uno stallon ch’ha visto le cavalle, e sospira e piagne, fa inchini con tante ’signoria’ che non ha tante la Spagna al seggio capuano, e gli promette di farla duchessa di Campo Salino e de’ la Magliana.
Rosso
S’io me delettassi, aría trattato da signore il padrone con farli la credenza! Ma ragionamo in sul saldo; quante limosine fai tu l’anno di questa sorte, che i traditori meritano anche peggio?
Aloigia
Le migliaia ne faccio, e aría faccenda a trovare le romanesche a ogni scempio! E forse ch’ogni villano ch’ha un poco di ciambellotto intorno, non fa el monsignore, e subito vuol ch’io gli conduca le gintildonne? E io con le fornare gli sfamo e son trapagata come fussino reine, goffi ribaldi! Ma che pensi tu?
Rosso
Penso che domani esco di tinello, se già la cosa non si scopre; e se la si scopre che sarà? Io ho fatto animo che son certo che merito le forche per l’assassinamento ch’io faccio al padrone, e non ci penso!
Aloigia
Che omo terribile!
Rosso
Non mai conobbi altra paura a’ miei dí, che del tinello.
Aloigia
Adonque il tinello impaurisce un sí gran braccio?
Rosso
Se tu vedessi una volta apparecchiata una tavola in tinello e avessi a mangiare le vivande che vi son suso, tu moriresti di paura.
Aloigia
Non mai piú li attesi.
Rosso
Come tu entri in tinello, e si’ di chi vuole, ti si presenta agli occhi una sí oscura tomba, che le sepolture son piú allegre, e di state bollono per el gran caldo e di verno ti fanno aghiacciare le parole in bocca e con continuo fetore e sí fiero, che torrebbe l’odore al zibetto; e non vien da altro la peste, ché come se serrassino i tinelli, Roma sarebbe subito sanata dal morbo.
Aloigia
Misericordia!
Rosso
La tovaglia è de piú colori che un grembiule da dipintori e lavata nel sevo de le candele di porco che avanzarono la sera; ancora che ’l piú de le volte si mangia al buio, e con pane di smalto, senza potersi mai nettare né bocca né mani, si mangia de la madre di San Luca a tutto pasto.
Aloigia
Donque si mangia de la carne de’ santi?
Rosso
E de’ Crocefissi! Ma io dico la madre di San Luca, perché se dipinge bue e la madre è una vacca.
Aloigia
Ah, ah, ah!
Rosso
E quella vacca è piú vecchia che limprincipio’, cotta sí manigoldamente che faría fuggire la fame a l’astinenzia.
Aloigia
Se doverían vergognare!
Rosso
Mattina e sera, sempre de la medesima vacca, e fa un brodo che la liscia sarebbe uno zuccaro.
Aloigia
Eh, eh!
Rosso
Non vomitare, che c’è peggio: cavoli, navoni e cucuzze, sempre in minestra; dico quando si getton via, altrimenti non ci pensare! È vero che ci ristorano e’ frutti doi tagliature di provatura che ci fanno una colla in su lo stomaco che ammazzaria una statua.
Aloigia
Iesus!
Rosso
Mi ero scordato la Quaresima. Odi questa: tutta la Quaresima, ci fanno digiunare. Forse che la mattina ci tratton bene? Quattro alice o diece sarde marce e vintecinque telline che fanno disperare la fame, che per stracchezza si sazia, e una scodella di fave senza olio e senza sale, poi la sera cinque bocconi de pane che guastarebbono la bocca a’ satiri.
Aloigia
Oh, oh, oh, oh! che ribalderia!
Rosso
Vien poi la state, che l’omo appetisce i luoghi freschi, e tu entri in tinello dove ti assalta un caldo creato in quelle sporcherie d’ossame coperte di mosche, che spaventaria la rabbia, non che l’appetito. El vino di poi ti ristora? Per mia fe’ che è meno stomachevole una medecina! È adacquato di acqua tepida, stata un giorno in vaso di rame, che penso l’odore del vaso ti conforta tutto.
Aloigia
Lordi, gagliofli!
Rosso
Accaderà in cento anni fare un banchetto, e ci avanza colli, piedi e capi di pollami e altre cose de quali c’è dato parte; ma sonsi prima da tante mani annoverate, che doventano piú succidi che non è la cappa di Giuliano Leni su da collo; quanto c’è di buono [è] la galanteria degli ufficiali tutti sfranciosati e tignosi; e se ’l Tevere gli corressi dietro, non saríano per lavarsi le mani. Ma vòi vedere se stiamo male? Le mura sempre piangono, ché pare gl’incresca la miseria de chi vi mangia.
Aloigia
Tu hai mille ragioni d’avere paura de’ tinelli.
Rosso
Veneri e sabati sempre ova marce, e con piú miseria che se le fussero nate allora allora. E quel che ci fa piú renegare Iddio, è la indescrezione de lo scalco, che a pena avemo fenito l’ultimo boccone, che ci caccia col despettoso suono de la bacchetta, e non vuol mai che finiamo il pasto con le parole, poiché col cibo non è possibile.
Aloigia
E forse ch’ognuno non corre a Roma per acconciarsi? O che crudeltà son queste? Ma ascolta!...
Oh sventurati, oh disfatti! Romore è in casa mia! Sempre n’ho avuto paura! Ohimè, ruinati siamo! Lasciamo ire. A vedere che cosa è.