Io vidi un dì, che in luminosa vesta

Giovanni Battista Cotta

Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Io vidi un dì, che in luminosa vesta Intestazione 3 aprile 2022 100% Da definire


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Gio. Battista Cotta


[p. 132 modifica]

X


Io vidi un dì, che in luminosa vesta
     Dal soglio eterno il sommo Dio scendea,
     E foco struggitor d’ampia foresta
     Il suo chiaro sembiante a me parea.
5Torbido nembo, e fiera atra tempesta
     Orribilmente intorno a lui fremea,
     Mentre dal Cielo in un sol passo in questa
     Così lontana terra ei discendea.
Qual arbor trionfal, che d’anni carco
     10Stassi di Libia in sul terren fecondo,
     E cede sotto il glorioso incarco:
Tal del piede divino al grave ponde
     L’eterne sfere si piegaro in arco,
     E s’incurvaro i Portator del Mondo.