Apri il menu principale
Cino da Pistoia

XIV secolo I Indice:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu sonetti Letteratura Io fui ’n su l’alto e ’n sul beato monte Intestazione 20 agosto 2016 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime (Cino da Pistoia)


[p. 126 modifica]

     Io fui ’n su l’alto e ’n sul beato monte,
Ove adorai baciando il santo sasso,
E caddi ’n su quella pietra, ohimè lasso!,
Ove l’Onesta pose la sua fronte
     5E ch’ella chiuse. d’ogni virtù ’l fonte.
Quel giorno che di morte acerbo passo
Fece la donna dello mio cor lasso,
Già piena tutta d’adornezze conte.
     Quivi chiamai a questa guisa Amore
10— Dolce mio dio, fa’ che quinci mi traggia
La morte a se, che qui giace il mio core. —
     Ma poi che non m’intese il mio signore.
Mi dipartii pur chiamando Selvaggia;
L’alpe passai con voce di dolore.