Apri il menu principale

Io chiesi al Tempo. Ed a chi surse il grande

Orazio Pedrocchi

I Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti/Archeologia Letteratura Io chiesi al Tempo. Ed a chi surse il grande Intestazione 4 novembre 2018 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Orazio Petrochi


[p. 336 modifica]

IV1


Io chiesi al Tempo. Ed a chi surse il grande
     Ampio Edifizio, che qui al suol traesti
     Ei non risponde: e più veloci, e presti
     Fuggitivo per l’aere i vanni spande.
5Dissi alla Fama: O tu, che all’ammirande
     Cose dai vita, e questi avanzi, e questi
     China ella gli occhi conturbati, e mesti,
     Qual chi doglioso alti sospir tramande.
Io già volgeo maravigliando il passo;
     10Ma su per l’alta mole altero in mostra
     Visto girsen l’Obblìo di sasso in sasso;
E tu, gridai, forse il sapresti? ah mostra...
     Ma in tuono ei m’interruppe orrido, e basso
     Io di chi fa non curo: adesso è nostra.


Note

  1. Sull'incertezza della rovina di un edifizio.