Apri il menu principale

Invittissimo Sire, al cui valore

Michele Brugueres

I Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Invittissimo Sire, al cui valore Intestazione 23 luglio 2017 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Michele Brugueres


[p. 75 modifica]

III1


Invittissimo Sire, al cui valore
     Le superbe cervici il Mondo inchina,
     Alla cui maestà pronta destina
     La Fama istupidita eterne l’ore;
5Or che dal suo covile uscito è fuore
     Il tracio mostro ad apportar ruina,
     A empier l’Istro di sangue e di rapina
     E di strage e di lutto e di terrore
Sire, la clava tua, che i mostri atterra,
     10Non l’uccide, e nol fuga? e quai litigi
     Fan, che non voli a trionfarlo in guerra
Soffrirai spettatore entro Parigi,
     Che le future età dicano:in terra
     V’erano i mostri, e pur vivea Luigi?


Note

  1. Si allude all’impresa di Luigi XIV, ch’è una Mazza.