Invidia rea di mille insanie accesa

Giulio Bussi

Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Invidia rea di mille insanie accesa Intestazione 12 settembre 2017 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Giulio Bussi


[p. 79 modifica]

V.


Invidia rea di mille insanie accesa,
     Veggio, i tuoi lampi, anzi che i tuoni ascolto,
     Ma non fia già, che sbigottito in volto
     Io de’ fulmini tuoi tema l’offesa.
5Qual folgore, che a rupe alta, e scoscesa
     Squarciando il sen scopre un tesoro accolto
     Tale, se il tuo livor barbaro, e stolto
     Lacera altrui, le altrui virtù palesa:
S’oltraggiare i migliori è tuo talento,
     10Mentre oggetto d’invidia esser degg’io
     Superbo andrò dell’ira tua contento.
E per rendere eterno il nome mio,
     Nell’aringo d’onore, a gloria intento,
     Invidia, altri ti teme, io ti desìo.