Apri il menu principale
XVI. Della grande Ermenia

../XV ../XVII IncludiIntestazione 7 novembre 2019 100% Da definire

XV XVII

[p. 17 modifica]

XVI (XXII)

Della grande Ermenia.

La grande Ermenia si è una grande provincia; e nel cominciamento è una cittá c’ ha nome Arzinga, ove si fa il migliore bucherame del mondo. Ivi è la piú bella bambagia del mondo e la migliore. Quivi ha molte cittadi e castella; e la piú nobile cittá è Arzinga, e hae arcivescovo. L’altre sono Arziron e Arzici. Ella è molto grande provincia. Quivi dimora la state tutto il bestiame di tarteri del levante, per la buona pastura che v’è; di verno non vi istanno per lo grande freddo che v’è, che non vi camperebbono le loro bestie. Ancora vi dico che in questa grande Ermenia è l’arca di Noè, in su una grande montagna,1 negli confini di mezzodí inverso lo levante, presso al reame che si chiama Mosul, che sono cristiani, che sono iacopini e nestorini, delli quali diremo innanzi. Di verso tramontana confina2 con Giorges: e in questo confine è una fontana, ove surge tanto olio in tanta abbondanza, che cento navi se ne caricherebbono alla volta; ma egli non è buono da mangiare, ma si da ardere; è buono da rogna e ad altre cose; e vengono gli uomini molto dalla lunga per questo olio, e per tutta quella contrada non s’arde altro olio. Or lasciamo della grande Ermenia, e conteremo della provincia di Giorges.

  1. Pad. Armenia grande de verso mezo di confina con una provinzia ch’è verso levante, che a nome Mosul.
  2. Fr. avec jorgiens (coi georgiani), Pad. Zorzania.