Apri il menu principale

Forse, chi sa? Benchè per lor giacesse

Orazio Pedrocchi

F Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti/Archeologia Letteratura Forse, chi sa? Benchè per lor giacesse Intestazione 4 novembre 2018 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Orazio Petrochi


[p. 336 modifica]

III1


Forse, chi sa? Benchè per lor giacesse
     L’antica gloria del paterno Regno,
     E nel gran fatto (ahi duro caso indegno)
     La miser’ Alba al cader lor cadesse:
5Forse pietosa a tre Campioni eresse
     Questa gran Tomba d’onoranza in segno,
     Onde un valor di miglior sorte degno,
     Noto a’ suoi figli ed immortal vivesse.
Chè se il Roman più scaltro assai che forte,
     10Non più soffrendo la gravosa soma,
     Allor seguìa degli altri due la sorte,
Di lauro trionfal cinta la chioma,
     Portando all’Universo e vita e morte,
     Regnerebbe Alba, e servirebbe Roma.


Note

  1. Sull'incertezza del sepolcro dei Curiazi.