Apri il menu principale
Pànico

../Servire ../Comprendere IncludiIntestazione 13 aprile 2018 100% Da definire

Solitudini - Servire Solitudini - Comprendere
[p. 29 modifica]

PÀNICO.


Paura della vita, a tradimento
or su me piombi, e il tuo nodo scorsoio
mi getti al collo; ed in me stessa io muoio
4senza morire, diaccia di spavento.


Ed i giorni e le notti che verranno
m’appaion come maschere impenetra-
-bili; e con ’peso di massiccia pietra
8l’ieri e l’oggi sul cuor lividi stanno.

[p. 30 modifica]



Da coloro che un dì chiamai fratelli
sì lontana mi sento, che a soccorso
non grido: non udrebbero: ahimè!... corso
12troppo ho dinanzi a lor, con piè ribelli.


Ciò che fu non è più — ciò ch’è presente
non vale — sul futuro c’è una porta
chiusa, di bronzo. — Io son fra quella porta
16e il mio terrore. — Io son quasi demente.


Pure conviene attender l’alba, attendere
con piè fermo, con fisso occhio, il ritorno
del sole. E il sol guardare, e il chiaro giorno
20godere, come un fior — senza comprendere.