Apri il menu principale
La sosta

../Meditazione ../L’arsura IncludiIntestazione 13 aprile 2018 100% Da definire

Levati, e cammina - Meditazione Levati, e cammina - L’arsura
[p. 87 modifica]

LA SOSTA.


M’appoggio a un tronco, scivolo a ginocchi,
confondo anima e corpo alle contorte
radici. — E tu credevi d’esser forte,
4povera donna!... — Or sosto un poco. Ho gli occhi


stanchi di sole: anche il cervello. Ho questi
densi effluvi nel sangue, come un tossico
inebriante ed omicida. Ho gli ossi
8che mi dolgono, come in chi si desti

[p. 88 modifica]



da lunga febbre. E il combattuto orrore
ch’io credetti d’aver pur ieri ucciso,
eccolo, è qui, m’abbranca il petto, il viso
12mi schiaffeggia, mi sputa, ecco, sul cuore.


Dio che mi vedi, a questo m’hai condotta
tu, perch’io tocchi un segno eterno. E lunga
ed aspra è l’erta ancor, fin che il raggiunga,
16e già m’accascio come cosa rotta....


Fa almen ch’io non mi volga indietro, ch’io
non dubiti, non tremi, non mi penta
del già compiuto; e dentro me ti senta,
20sola fiamma inesausta, ardere, o Dio.