Ecco, amici Pastori, ecco ove giunto

Vincenzo Leonio

Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Ecco, amici Pastori, ecco ove giunto Intestazione 5 novembre 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Vincenzo Leonio


[p. 239 modifica]

VII1


Ecco, amici Pastori, ecco ove giunto
     Questo infelice mio povero agnello,
     In mezzo a un prato erboso, appo un ruscello
     Egro sen giace dal digiun consunto.
5L’altr’ier guatollo Argone, e da quel punto,
     Quasi pasciuto di mortal napello,
     (Come, ridir non so) di pingue e bello,
     Tosto divenne sì deforme e smunto.
Or dal suo mal, con provvido consiglio,
     10Apprendete a fuggir con piè non tardo
     Da quel, che a voi sovrasta, egual periglio.
Ah fuggite d’Amor la face e ’l dardo:
     Quanto in lui fa il velen d’invido ciglio
     Far puote in voi amoroso un guardo.


Note

  1. Nell’occasione d’un Discorso sopra il Fascino, fatto del Signor Carlo Doni.