Apri il menu principale

Dov'è, signor, la tua pietade antica

Giovanni Battista Cotta

D Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Dov'è, signor, la tua pietade antica Intestazione 3 novembre 2018 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Gio. Battista Cotta


[p. 131 modifica]

VII


Dov’è, Signor, la tua pietade antica,
     Che in Cielo, in Terra alto così risuona?
     Deh stendi omai, stendi la destra amica,
     E me tuo figlio al padre suo ridona,
5Poichè gente di te, di me nemica
     Odo, che sopra il capo mio già tuona;
     Già tra suoi lampi mi ravvolge, e implica
     Fulmini, ch’intorno a me s’aggira, e suona
E qual gloria n’avrai, Fabbro superno,
     10Se l’opra tua miseramente piomba
     Nell’orrende voragini d’Averno?
Ah! Dio, che mai da quell’orribil tomba
     Non sorse lode al tuo gran nome eterno,
     Ma ben dal Ciel, dove ogni lingua è tromba