Apri il menu principale

Donna real, cui diè Senna la cuna

Giulio Bussi

D Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Donna real, cui diè Senna la cuna Intestazione 12 settembre 2017 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Giulio Bussi


[p. 80 modifica]

VII1


Donna real, cui diè Senna la cuna,
     Sarmatia il Trono, e Roma t’apre il Cielo,
     Che con alma sì bella, in sì bel velo
     Già di te festi innamorar Fortuna.
5Ella un serto ti diè; ma te n’aduna
     Altro di stelle la pietade, e ’l zelo:
     Emula al gran Consorte, egli col telo,
     Co’ voti tu festi ecclissar la Luna.
Manca per maggior gloria al figlio un regno;
     10Sorte l’offrì ma il genitor, non voglio,
     Gridò dal Cielo; e fu pensier più degno.
Io, disse, gli mostrai come l’orgoglio
     Si domi al trace. Ha di regnar disegno?
     Vada a ritorre al gran tiranno il soglio.

Note

  1. A Maria casimira Regina di Polonia.