Apri il menu principale
Guido Guinizzelli

XIII secolo D poesie duecento Donna, l'amor mi sforza Intestazione 18 settembre 2008 75% poesie

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

 
Donna, l’amor mi sforza
ch’eo vi deggia contare
com’eo so ’nnamorato,
e ciascun giorno inforza
5la mia voglia d’amare:
pur foss’eo meritato!
Sacciate in veritate
che sì pres’è ’l meo core
di vo’, incarnato amore,
10ca more di pietate,
e consomar lo faite
in gran foch’e ’n ardore.
Nave ch’esce di porto
con vento dolze e piano,
15fra mar giunge in altura;
poi vèn lo tempo torto,
tempesta e grande affano
li aduce la ventura;
allor si sforza molto
20como possa campare,
che non perisca in mare:
così l’amor m’ha colto
e di bon loco tolto
e miso a tempestare.

25Madonna, audivi dire
che ’n aire nasce un foco
per rincontrar di venti;
se non more ’n venire
in nuviloso loco,
30arde immantenenti
ciò che dimora loco:
così ['n] le nostre voglie
contr[ar']aire s’accoglie,
unde mi nasce un foco
35lo qual s’astingue un poco
in lagrime ed in doglie.

Grave cos’è servire
signor contra talento
e sperar guiderdone,
40e mostrare ’n parere
che sia gioia ’l tormento
contra su’ oppinione.
Donqua si dé gradire
di me, che voglio ben fare,
45e ghirlanda portare
di molto orgoglio ardire:
che s’eo voglio ver dire,
credo pingere l’aire.

A pinger l’air son dato,
50poi ch’a tal sono adutto:
lavoro e non acquisto.
Lasso, ch’eo li fui dato!
Amore a tal m’ha ’dutto,
fra gli altri son più tristo.
55O signor Geso Cristo,
fu’ i’ però sol nato
di stare innamorato?
Poi madonna l’ha visto,
megli’è ch’eo mora in quisto:
60forse n’avrà peccato.