Dimme, Amore: vorestú tornare

Paolo Lanfranchi da Pistoia

Guido Zaccagnini/Amos Parducci XIII secolo Indice:Rimatori siculo-toscani del Dugento.djvu Duecento Dimme, Amore: vorestú tornare Intestazione 16 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rimatori siculo-toscani del Dugento
[p. 29 modifica]

V

Amore manifesti alla sua donna le sue pene.

Poeta.  Dimme, Amore; vorestú tornare

da la mia parte a la donna mia?
Amore.Si, se tu vogli, ma eli’è follia:
ché talor nóce lo troppo adastare.
Poeta.  E lo meo core vi vói pur andare,
e ti demanda en sua compagnia.
Amore.Di presente me meterò en via
dapo’ ch’eo veggio ch’a lui e te pare.
  Or me di’ ciò che tu vói che gli dica:
che tu non fini clamare mercede?
Perzò non è bisogno andarne mica,
  per aventura ch’ella non ti crede.
Poeta.Si fa’; che di me vive e se nutrica;
e ’l cor non pò durar, se no’ la vede.