Apri il menu principale

Decreto approvante modificazioni alla concessione per la strada di ferro da Napoli a Nocera (e relative modifiche)

Regno delle Due Sicilie

1838 D Indice:Decreto approvante modificazioni alla concessione per la strada di ferro da Napoli a Nocera (e relative modifiche).djvu ferrovie diritto Decreto approvante modificazioni alla concessione per la strada di ferro da Napoli a Nocera (e relative modifiche) Intestazione 12 giugno 2012 100% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


[p. 17 modifica]

COLLEZIONE DELLE LEGGI

E DE' DECRETI REALI

DEL REGNO DELLE DUE SICILIE.

Anno 1838.

n. 173.



(n..° 4460.)Decreto approvante le modificazioni a’ primitivi capitoli di concessione per la strada di ferro da Napoli a Nocera con un ramo per Castellammare, da costruirsi dal Signor Armando Giuseppe Bayard de la Vingtrie.

Napoli, 3 Febbrajo 1838.


FERDINANDO II. PER LA GRAZIA DI DIO RE DEL REGNO DELLE DUE SICILIE, DI GERUSALEMME ec. DUCA DI PARMA, PIACENZA, CASTRO ec. ec. GRAN PRINCIPE EREDITARIO DI TOSCANA ec. ec. ec.

Veduti il real decreto de’ 19 di giugno 1836 e gli annessi capitoli di concessione fatta al Signor Armando Giuseppe Bayard de la Vingtrie per costruire una strada di ferro da Napoli a Nocera e Castellammare, del pari che il foglio di modificazioni unite parimente allo stesso real decreto;

Sulla proposizione del nostro Ministro Segretario di Stato degli affari interni;

Udito il nostro Consiglio ordinario di Stato;

Abbiamo risoluto di decretare, e decretiamo quanto segue.

Art. 1. Approviamo i patti contenuti ne’ sei articoli di modificazioni a’ primitivi capitoli di concessione per la strada di ferro da Napoli a Nocera con [p. 18 modifica]un ramo per Castellammare annessi al nostro real decreto de’ 19 di giugno 1836.

I detti sei articoli di modificazioni sono uniti al presente decreto.

2. Tutte le clausole, le condizioni ed i patti, fossero a carico dello Stato, fossero a carico del Signor Bayard de la Vingtrie, o di chi avrà causa da lui, compresi nel suddetto real decreto de’ 19 di giugno 1836, e negli annessi ventitré articoli de’ capitoli di concessione, del pari che nel foglio di modificazioni unite allo stesso real decreto, rimarranno nella loro piena osservanza in tutte quelle parti alle quali non viene derogato dalle presenti modificazioni.

3. Il nostro Ministro Segretario di Stato degli affari interni è incaricato della esecuzione del presente decreto.

Firmato, FERDINANDO.


Il Ministro Segretario di Stato
degli affari interni
Firmato, Niccola Santangelo.
II Consigliere Ministro di Stato
Pres. interino del Cons. de’ Ministri
Firmato, Marchese Ruffo.


Modificazioni annesse al real decreto de’ 3 di febbrajo 1838, e consentite e sottoscritte dal Sig. Armando Giuseppe Bayard de la Vingtrie, da farsi a’ capitoli di concessione per la strada di ferro da Napoli a Nocera con un ramo per Castellammare, annessi al real decreto de’ 19 di giugno 1836.

De’ 3 di Febbrajo 1838.

Art. 1. Il termine di quattro anni stabilito con l’articolo primo de’ capitoli di concessione, dentro il quale il Sig. Armando Giuseppe Bayard de la Vingtrie si obbligò di portare a compimento la strada di ferro da Napoli a Nocera con un ramo per Castellammare, è prorogato ad anni sei. [p. 19 modifica]2. La cauzione di ducati cinquantamila da lui già depositati in numerario, e convertibili in ducati tremila di rendita iscritta sul gran libro ad azione dello stesso Sig. Bayard per sicurezza dell’ adempimento de’ suoi obblighi, i quali per l’articolo terzo de’ capitoli di concessione dovevano restituirglisi per un terzo appena che fosse terminato il tratto di strada da Napoli al Granatello, per un altro terzo compiuta la strada fino alla Torre dell’Annunziata, e per l’ultima parte quando si sarebbe finita l’intera strada da Napoli a Nocera e Castellammare, rimarranno tutti interi depositati fino al compimento della strada da Napoli a Nocera e Castellammare. Essi cederanno a beneficio dell’amministrazione civile a titolo d’indennizzazione di danni ed interessi, qualora la detta strada di ferro venisse eseguita in parte, e non condotta a termine fra gli anni sei per colpa del concessionario. E dove l’opera non sarà intrapresa, si rivolgeranno a titolo di multa a benefizio degli stabilimenti di beneficenza. Rimanendo per maggior chiarezza spiegato di non intendersi sotto il nome di danni ed interessi compresi quelli che il Bayard potrà restar dovendo per prezzo o indennizzazione di danni cagionati alle proprietà de’ privati occupate; giacché per l’articolo 470 delle leggi civili seguir dee sempre a carico del Bayard la indennizzazione di tal sorta di danni prima che i fondi de’ privati vengano occupati.

Oltre a ciò il Sig Bayard accrescerà la detta cauzione già data in numeraria di altri ducati cinquantamila; e tale aumento sarà dato in biglietti da depositarsi di firme de’ principali banchieri di questa capitale riconosciuti idonei da S. M., i quali si obbligheranno in solido di pagare tal somma nel caso che il Bayard non adempia agli obblighi da lui contratti. [p. 20 modifica]3. Mercé questo aumento di cauzione in altri ducati cinquantamila con biglietti di banchieri, e mercé il consenso dato dal Bayard perché i ducati cinquantamila già depositati in numerario e convertibili in rendita iscritta sul gran libro rimangano tutti intieri in garantia fino al compimento totale de’ suoi obblighi, viene derogato alla penale pattuita col detto articolo terzo de’ capitoli di concessione, di dovere cioè, in caso che non fosse compita pel tempo determinato tutta la strada da Napoli a Nocera e Castellammare, cedere le porzioni di detta strada costruite a benefizio del real Governo. Quindi le dette porzioni costruite di strada rimarranno di proprietà del Sig. Bayard; ed egli potrà goderne l’usufrutto pel tempo e ne’ modi stabiliti con detti capitoli: ma sarà in facoltà del real Governo di concedere ad altri, o fare per conto proprio i tratti di detta strada che rimarranno a costruirsi. Benvero, se qualche frazione delle parti di strada costruite non sia del tutto compiuta, il Sig. Bayard sarà tenuto a compirla e metterla in buono stato, acciò il traffico non soffra interruzione.

4. In tal caso sarà applicabile a’ tratti della strada da Napoli a Nocera e Castellammare, i quali si costruiranno dal real Governo, o da altri concessionarii, quanto trovasi disposto nell’articolo 18 de’ capitoli di concessione pel passaggio da darsi a’ mezzi di trasporto de’ con cessionarii, de’ prolungamenti di detta strada per Salerno ed Avellino.

5. La proroga di altri due anni accordata coll’articolo primo delle presenti modificazioni al termine stabilito per lo compimento della strada da Napoli a Nocera e Castellammare, s’intenderà anche conceduta pe’ prolungamenti facoltativi di detta strada per Salerno ed Avellino, de’ quali è parola nell’articolo quinto de’ capitoli di concessione: rimanendo [p. 21 modifica]quant’altro è convenuto nello stesso articolo quinto in piena osservanza.

6. E accordato al Sig. Bayard il termine improrogabile di tre mesi, a contare dal dì in cui gli sarà stata partecipata la sovrana approvazione alle presenti modificazioni, per lo adempimento della rimanente cauzione di ducati cinquantamila in biglietti di banchieri da depositarsi. Laddove, scorso tal termine egli non vi abbia adempito, s’intenderanno come non avvenute le modificazioni presenti al primitivo contratto di concessione, che rimarrà in tutta la sua piena osservanza.

Approvate: Napoli, il dì 3 di Febbrajo 1838.

Firmato, FERDINANDO.


Il Consigliere Ministro di Stato
Presidente interino del Cons. de’ Ministri

Firmato, Marchese Ruffo.