Dante Alighier, Cecco, 'l tu' serv' e amico

Cecco Angiolieri

Aldo Francesco Massera XIII secolo Indice:Prati, Giovanni – Poesie varie, Vol. II, 1916 – BEIC 1901920.djvu sonetti Dante Alighier, Cecco, 'l tu' serv' e amico Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Lassar vo' lo trovare di Becchina Dante Alighier, s'i' so' bon begolardo
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti (Cecco Angiolieri)
[p. 131 modifica]

CXXXVI

A Dante, rilevando la contraddizione, ch’è in un sonetto di lui

Dante Alighier, Cecco, ’l tu’ serv’e amico,
si raccontand’a te com’a segnore;
e si ti prego per lo dio d’Amore,
4il qual è stat’un tu’ signor antico,
che mi perdoni s’ispiacer ti dico,
che mi dá sicurtá’l tu’genti! cuore;
quel, ch’i’ti dico, è di questo tenore:
8ch’ai tu’sonetto in parte contraddico.
Ch’ai meo parer ne l’una muta dice
clic non intendi su’ sottil parlare,
11a que’, che vide la tua Beatrice;
e puoi hai detto a le tue donne care
che tu lo ’ntendi: adunque, contraddice
14a se medesmo questo tu’ trovare.