Da te parto 'l mie core, Ciampolino

Cecco Angiolieri

Aldo Francesco Massera XIII secolo Indice:Prati, Giovanni – Poesie varie, Vol. II, 1916 – BEIC 1901920.djvu sonetti Da te parto 'l mie core, Ciampolino Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
In tale, che d'amor vi passi 'l core Io feci di me stesso un Ciampolino
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti (Cecco Angiolieri)
[p. 125 modifica]

CXXIV

Non vuol piú saperne dell’amicizia di Ciampolino.

Da te parto ’l mie cor, Ciampolino,
e, se no’ fummo giamma’ drilt’amici,
ora sarem mortalmente nemici,
4per che del mie mi nieghi piú, che Mino;
e, quando tei dimando, ’n tuo latino
si usi spesso: — Non so che ti dici! —
Sie certo ch’i’sapre’mangiar pernici
8e giucar e voler lo mascolino,
si come tu; ma aggio abbandonate
queste tre cose, perch’om non potesse
11dir: — Quegli è giunto’n grande povertate. —
Or tu se’ ’l boti garzon, chi ti credesse!
Cosi ti dia Iddio vit’e santate;
14e tu hai ben a dir: — Cristo ’l volesse! —