Apri il menu principale

Cura, che di timor ti nutri e cresci

Giovanni Della Casa

C Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Cura, che di timor ti nutri e cresci Intestazione 16 settembre 2017 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri


[p. 94 modifica]

MONSIGNOR GIO. DELLA CASA.1


Cura, che di timor ti nutri e cresci,
     E più temendo maggior forza acquisti,
     E mentre colla fiamma il gelo mesci,
     Tutto il regno d’Amor turbi e contristi:
5Poichè ’n brev’ora entro al mio cor hai misti
     Tutti gli amari tuoi, dal mio cor esci:
     Torna a Cocito, ai lagrimosi e tristi
     Campi d’inferno; ivi a te stessa incresci.
Ivi senza riposo i giorni mena,
     10Senza sonno le notti; ivi ti duoli
     Non men di dubbia che di certa pena.
Vattene; a che più fiera che non suoli,
     Se ’l tuo venen m’è corso in ogni vena,
     Con nove larve a me ritorni e voli?

Note

  1. La gelosia.