Con sicurtá dirò, po' ch'i' son vosso

Bonagiunta Orbicciani

Guido Zaccagnini/Amos Parducci XIII secolo Indice:Rimatori siculo-toscani del Dugento.djvu Duecento Con sicurtá dirò, po’ ch’i’ son vosso Intestazione 16 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rimatori siculo-toscani del Dugento
[p. 89 modifica]

XVIII

Per quanto abbia pregato la Madonna,
non ha potuto levar gli spiriti malvagi da alcuni sonetti.

Con sicurtà dirò, po’ ch’i’ son vesso,
ciò ch’adivene di vossi dettati,
ch’i’ nd’ho sonetti in quantità trovati,
che di malvagi spiriti hanno adesso.
Per la pietà de’ quali i’ mi son mosso
e da la Nossa Donna gli ho menati
e con divozion raccomandati
e raccomando sempre quanto posso.
Ma non son certo perché s’adovegna
che per mei preghi partiti non sono;
se peccato, che sia in lor, non nóce,
o perché mie preghiera non sie degna;
però vi prego, se nde fate alcono,
che li facciate il segno della croce.