Chi vól vantaggio aver a l'altre genti

Cecco Angiolieri

Aldo Francesco Massera XIII secolo Indice:Prati, Giovanni – Poesie varie, Vol. II, 1916 – BEIC 1901920.djvu sonetti Chi vól vantaggio aver a l'altre genti Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Il cuore in corpo mi sento tremare Amor, poi che 'n sí greve passo venni
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti (Cecco Angiolieri)
[p. 71 modifica]

XVII

Ogni innamorato soffre, ma peggio di tutti sta chi ama Becchina.

Chi vói vantaggio aver a l’altre genti
don’el su’ cor lialmente ad Amore,
e lassi dire amici né parenti,
4s’e’ n’ha nessun di ciò reprenditore:
ché tanto faccia Dio tristi e dolenti
chi agli amanti fa altro, ch’onore,
quant’elli ha fatto carampia, de’ denti,
8che vintiquattro di bocca n’ha fuore.
Chi serve questa è peggio, a mia parvenza
e ben mi par di ciò dicer si certo,
11che volentier ne starei a sentenza:
e, chi perdesse, fosse si deserto,
enmantinente, senza nulla entenza,
14come fo ’l fiorentino a Monte Aperto.