Becchina, poi che tu mi fosti tolta

Cecco Angiolieri

Aldo Francesco Massera XIII secolo Indice:Prati, Giovanni – Poesie varie, Vol. II, 1916 – BEIC 1901920.djvu sonetti Becchina, poi che tu mi fosti tolta Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Io vorre' 'nanzi 'n grazia ritornare Ogn'altra carne m'è'n odio venuta
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti (Cecco Angiolieri)
[p. 92 modifica]

LIX

Quest’amara veritá gli ripete la stessa Becchiua.

— Becchina, poi che tu mi fosti tolta,
che giá è du’ anni e páionmi ben cento,
sempre l’anima mia è stata ’nvolta
4d’angoscia, di dolor e di tormento.
— Cecco, la pena tua credo sia molta,
ma piú sarebbe per lo mi’talento;
s’i’dico tort’o dritto, pur ascolta:
8perché non hai chi mi ti tolse spento?
— Becchina, ’l core non mi può soffrire,
po’ che per tua cagion ebbe la gioia,
11a neun modo, di farlo morire.
— Cecco, s’una cittá come fu Troia
oggima’ mi donassi, a lo ver dire,
14non la vorre’ per cavarti di noia. —