Apri il menu principale

Ave Maris Stella

latino

Anonimo IX secolo A 1837 Giovanni Marchetti Cristianesimo cristianesimo L'Ave Maris Stella
Volgarizzata Intestazione 3 settembre 2014 75% Cristianesimo

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

 
   Salve, o stella del mar, fida a noi scorta,
Madre, il cui puro fior mai non fu côlto,
Benedetta del ciel mistica porta.

   Tu a l’angiol messaggier chinando il volto,
5Eva novella, a noi rendi la spene,
Rendi la pace, che l’antica ha tolto.

   Solvi del peccator l’aspre catene,
Dà luce a la pupilla tenebrosa,
Volgi in fuga ogni mal, chiama ogni bene.

   10Mostra come tu se’ madre amorosa,
E porgi l’uman prego a Chi si piacque,
Vestendo per noi carne, esser tua cosa.

   Vergine, a cui simile altra non nacque,
Di tua dolcezza e puritate infondi
15A l’uom risurto donde mal si giacque.

   Torna i sordidi affetti in casti e mondi,
Reggi il dubbio cammin, tal che in eterno
Sien gli occhi nostri di Gesù giocondi.

   Laude qui sempre al Genitor superno,
20Laude a l’Unico suo, laude a l’Amore
Con entrambi increato e sempiterno:

   Uno l’ossequio al Trino, uno l’onore.

Altri progetti

Collabora a Wikipedia Wikipedia ha una voce di approfondimento su Ave Maris Stella