Apri il menu principale

Autore:Giorgio Coresio

Giorgio

Coresio XVII secolo scrittore greco

OpereModifica

  • Διήγησις τοῦ κλεινοῦ ἀγῶνος τῶν Φλορεντινῶν, διὰ στίχων, ὅσος παρ' ἑκείνοις μὲν κάλτζιον, παρὰ δὲ τοῖς ἁρχαίοις καλεῖται ἁρπάστον, ποιηθεῖσα παρὰ Γεοργίου Κορεσσίου τοῦ Χίου, Venezia, Antonio Pinelli, 1611 [Tradotto in italiano da Anton Maria Salvini in Bini 1688 col titolo Descrizione in versi del Nobil Giuoco dei Fiorentini, che da loro Calcio si chiama, e dagli antichi Harpaston, composta da Giorgio Coresio di Scio Gentiluomo di Costantinopoli, Lettore di Lingua Greca nello Studi di Pisa, volgarizzato in altrettanti versi sciolti Toscani]
  • Operetta intorno al galleggiare de corpi solidi, (1611) GB
  • Orazione di Giorgio Coresio lettore della lingua greca nello Studio di Pisa, (1614) GB