Amore amaro, a morte m'hai feruto

Meo Abbracciavacca

Guido Zaccagnini/Amos Parducci XIII secolo Indice:Rimatori siculo-toscani del Dugento.djvu Duecento Amore amaro, a morte m’hai feruto Intestazione 15 luglio 2020 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rimatori siculo-toscani del Dugento
[p. 17 modifica]

IX

Amore gli renda piú pietosa la sua donna.


Poeta.   Amore amaro, a morte m’hai feruto:

tuo servo son, non ti fi’ onor s’i’ pèro.
Amore. Ver è, ma vedi ben che l’ha voluto
quella da cui son nato e per cui fero.
5 Or ell’ha di valor pregio compiuto
e di beltá sovr’ogne viso clero:
e però guarda non gli aggi falluto
di vista o di parlare o di pensero.
Poeta.   Merzede! Amor, non dir: tu lei m’hai dato;
10e sai piú di me che non sacc’eo:
falli sentir per certo ciò ch’eo sento.
     Forse ch’avrá pietate del mio stato:
al colpo periglioso del cor meo
dara’li cura: giá non vi sie lento.