Amico, sai me fai mutar lenguaggio

Cecco Nuccoli

Aldo Francesco Massera XIII secolo Indice:AA. VV. – Sonetti burleschi e realistici dei primi due secoli, Vol. II, 1920 – BEIC 1928827.djvu sonetti Amico, sai me fai mutar lenguaggio Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Se tu gode, ser Cecco, come conte Poi che disdice, non se' di lignaggio
[p. 27 modifica]

3 — SER CECCO
Vanta le promesse d’amore, che gli furon fatte da Bartoluccio.

Amico, sai me fai mutar lenguaggio?
Risposta ti farò, e parratti buia,
di la ’inpromessa, ch’i’ho ad alleluia:
4si ch’él convèn ch’io faccia il dolze saggio.
E a piú cautela la polizza n’aggio,
scritta di la sua mano; or pur m’ingiuia,
come ti piace, ch’io farò co’Tuia
8lupa, ch’ai lupacchin, che fugge, oltraggio.
E parme ciascun giorno ben mill’anni,
che varchili i di santi, e vegna el tempo,
11ch’io veggia a lui vestit’i novi panni.
Or se ne vada ormai, ché gire seni pò,
che, chi lui mira, dice ch’è Assalonne;
14innamorar ben fa uomin e donne.
Ed io mi godo, come che tu crede,
ch’apponer non si puote a mia polizza:
ma, nel contraro, molte n’han granii’izza.