Apri il menu principale
Tommaso Niccolò d'Aquino

A Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Allor ch'il superbo Ilio, e l'altre mura Intestazione 12 maggio 2018 100% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri


[p. 50 modifica]

Allor ch’il superbo Ilio, e l’alte mura
     Giacean di Troia incenerite ed arse,
     La bella Greca in mezzo al foco apparse
     4Quasi fra tant’orror scarca e sicura.
Languì la terra insieme e la natura,
     A tanti stragi, a tante moli sparse:
     Pur lei fiamma non punse, e stral non arse
     8Mercè d’Amor ch’i suoi ministri ha in cura,
Tal leggiadretta donna il cor mi punse,
     E sovente trattò la face e l’arco
     11D’Amor, nè strali o fiamma al suo cor giunse.
Amor noi giunti insieme al dubbio varco,
     Armata lei lasciò, me inerme aggiunse
     14Con gli altri ancor sotto il gravoso incarco.