Agide (Alfieri, 1946)/Dedica

Dedica

../ ../Personaggi IncludiIntestazione 17 giugno 2020 100% Da definire

Agide (Alfieri, 1946) Personaggi

[p. 63 modifica]

ALLA MAESTÁ DI CARLO PRIMO

re d’inghilterra.

Parmi, che senza viltá né arroganza, ad un re infelice e morto io possa dedicare il mio Agide.

Questo re di Sparta ebbe con voi comune la morte, per giudizio iniquo degli efori; come voi, per quello d’un ingiusto parlamento. Ma quanto fu simile l’effetto, altrettanto diversa n’era la cagione. Agide, col ristabilire l’uguaglianza e la libertá, volea restituire a Sparta le sue virtú, e il suo splendore; quindi egli pieno di gloria moriva, eterna di se lasciando la fama. Voi, col tentare di rompere ogni limite all’autoritá vostra, falsamente il privato vostro bene procacciarvi bramaste: nulla quindi rimane di voi; e la sola inutile altrui compassione vi accompagnò nella tomba.

I disegni d’Agide, generosi e sublimi, furono poi da Cleoméne suo successore, che il tutto trovò preparato, felicemente e con grande sua gloria eseguiti. I vostri, comuni al volgo dei regnanti, da molti altri principi furono e sono tuttavia tentati, ed anche a compimento condotti, ma senza fama pur sempre. Della vostra tragica morte, non essendone sublime la cagione, in nessun modo, a mio avviso, se ne potrebbe fare tragedia: della morte d’Agide (ancorché tentata io non l’avessi) crederei pure ancora, attesa la grandezza vera dello spartano re, che tragedia fortissima ricavarsene potrebbe.

Sí l’uno che l’altro, ai popoli foste e sarete un memorabile esempio, e un terribile ai re: ma, colla somma differenza tra voi, che de’ simili alla Maestá Vostra, molti altri re ne sono stati e saranno; ma de’ simili ad Agide, nessuno giammai.

Martinsborgo, 9 Maggio 1786.

Vittorio Alfieri.