A me adovene com'a lo zitello

Bonagiunta Orbicciani

Guido Zaccagnini/Amos Parducci XIII secolo Indice:Rimatori siculo-toscani del Dugento.djvu Duecento A me adovene com’a lo zitello Intestazione 16 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rimatori siculo-toscani del Dugento
[p. 82 modifica]

VI

È come il fanciullo, che torna al fuoco ove s'è Ijruciato.

A me adovene com’a lo zitello,
quando lo foco davanti li pare,
che tanto li risembla chiaro e bello
che stendive la mano per pigliare.
E lo foco lo ’ncende e fallo fello,
che no è gioco lo foco tocare;
poi ch’è pasata l’ira, alora e quello
disia inver’lo foco ritornare.
Ma eo, che trago l’aigua de lo foco;
e no è null’omo, che ’l potesse fare;
per lacrime, ch’eo getto, tutto coco,
chiare e salse, quant’aqua di mare:
candela, che s’aprende senza foco,
arde e incende e non si pò amortare.