A la dolce stasón, ch'ei torde arvègnono

Marino Ceccoli

Aldo Francesco Massera XIV secolo Indice:AA. VV. – Sonetti burleschi e realistici dei primi due secoli, Vol. I, 1920 – BEIC 1928288.djvu sonetti A la dolce stasón, ch'ei torde arvègnono Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Quando i fiorette fra le foglie tènere Oimè, ch'el dolce tempo tuttor vássene
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta XXI. Ser Marino Ceccoli
[p. 236 modifica]

II

Anche il poeta fu preso d’amore in primavera.

A la dolce stasón, ch’ei torde arvègnono,
e dietro i volan glie sparvier seguendogli
e ’nfra le verde selve remettendogli,
4quando per l’aire descendendo vegnono:
color, che vita de deletto tegnono,
per la riviera fuor sen van veggendogli,
de colpo tal con loro arco ferendogli,
8quali esse spesso con Amor sostegnono.
Ed io, che giá percosso li sentivame,
mirando gli uccellette andar piangendose,
11ch’a dolce lagremar con lor movivame,
vidi un uccel da’ ciel ver’me scendendose,
ch’ei petto, per grimire el core, aprivame:
14se non che per pietá vignia rendendwse.