Apri il menu principale

È già Madre Maria; nè prova i mali

Francesco De Lemene

È Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura È già Madre Maria; nè prova i mali Intestazione 26 ottobre 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Francesco da Lemene


[p. 230 modifica]

VIII


E già Madre Maria; nè prova i mali,
     Che fur pena prescritta al peccar nostro:
     E voi serbaste intatto il candor vostro
     Nel suo vergineo sen, gli immortali.
5Passan del Sol per vetro i rai vitali,
     E pure intero il vetro altrui dimostro:
     Tal lascia della Madre intero il chiostro,
     Quel, ch’essendo un sol Figlio, ha due natali.
Si veste il sommo Dio di mortal gonna,
     10E già nato Signor servo rinasce,
     E l’umil Madre sua del Ciel fa donna.
Ecco un Uomo, ecco un Dio ristretto in fasce:
     Perchè tu ’l creda un Uom nasce di Donna;
     Perchè tu ’l creda un Dio, di Vergin nasce.