Trattato completo di agricoltura - Volume II/Ortaggi coltivati in grande/7

Delle Cipolle e dell'Aglio

../6 ../../Piante da frutto IncludiIntestazione 14 febbraio 2015 75% Da definire

Ortaggi coltivati in grande - 6 Piante da frutto
[p. 125 modifica]

delle cipolle e dell’aglio.

§ 865. Tanto la cipolla (allium caepa), quanto l’aglio (allium sativum) sono piante a radice bulbosa e vengono in alcune località coltivate in grande, poichè i bulbi loro servono di grossolano condimento alle vivande del popolo. L’olio essenziale contenuto nel bulbo di queste due piante è tanto sensibilmente acre e stimolante che non tutti gli stomachi possono assuefarvisi.

La cipolla conta alcune varietà. Ve ne sono di compresse color bianco, giallo e rosso; ve ne sono di tondeggianti, quasi in forma di pera, e ve ne sono di quelle che portano piccoli bulbi alla base dei fiori. La varietà che meglio si conserva è la seconda.

Ama la cipolla terren sciolto siliceo-calcare-argilloso, concime scomposto e singolarmente le ceneri, e vuole una esposizione soleggiata. Si semina in marzo e si trapianta alla fine dell’inverno, appena disgelato il terreno, servendosi di pianticelle seminate in vivajo nel settembre dell’anno antecedente.

Tanto il seminato quanto il trapiantato si sarchia soventi e si tien mondo dalle erbe, finchè si vegga ingiallire il fusto, [p. 126 modifica]indizio che il bulbo è maturo e che si può passare a farne il raccolto.

Trovo indicato usare alcuni sottoporre alle cipolle ripiantate qualche ciottolo piano, od altro frantume di stoviglia, ritenendosi che ciò serve a farle dilatare maggiormente. Le cipolle appianate si piantano a 0m,22 di distanza fra loro, e quelle piriformi soltanto a 0m,10. I piccoli bulbi portati sullo stelo, dalla varietà che li produce al posto dei fiori, servono per piantare l’anno seguente, il che dà un eccellente raccolto. Meglio poi che ripiantare è il seminare in linea, diradando le piante nella seconda sarchiatura.

Un ettaro può produrre circa 9000 chilogrammi di cipolle. Questa pianta può essere coltivata per molti anni di seguito sullo stesso spazio senza alterare le proprie qualità nò quelle del terreno, poichè al pari delle piante così dette grasse assorbe umidità ed azoto dall’atmosfera. La cipolla contiene quasi il 94 per % d’acqua.

§ 866. L’aglio vuol parimenti terreno leggiero, asciutto, e vegeta assai bene anche nelle sabbie. Si pianta al principio di marzo con bulbilli derivanti dal bulbo principale che si suddivide, essendo esso formato da sei ad otto piccoli bulbi riuniti fra loro dalle scaglie esterne.

Si pianta alla distanza di 0m,10 per ogni lato. Le cure di coltivazione sono le medesime di quelle usate per le cipolle. Si raccoglie quando le sue foglie incominciano a disseccare. Un ettaro può fornire 80,000 bulbi pesanti circa 6,000 chilogrammi.