Testi da "L'Istria"

dialetto muglisano

1846 Testi dal giornale "L'istria" Intestazione 22 novembre 2015 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nel corso del 1846 Pietro Kandler pubblicò sul giornale "L'Istria" una rassegna dei dialetti istriani e per ognuno di essi riportò come esempio la versione di due brevi testi tratti da Esopo. Nel numero del 16 maggio Kandler trattò del dialetto di Muggia.

I.

Doi omin zigua per la so strada, un de lour gà vedú una manara, e dis guara, ce che mi gai chiattà. Quell'altro ghe dis, no ti doves favellar gai chiattà, ma gavom chiattà. Pouch tiemp dopo arriva quel, che gavegua perdú la manara, e avendola veduda in man de lui el ga principii a dierghe ladro. Nous sunon muort el dis subit: ma el so cumpagn ghe rispuont: No ti doveres dier sunon muort, ma son muort, perché allora za puoc, che ti gavegui chiattada la manara, ti disegui la gai chiattada, e no l'avom chiattada.

II.

Giera invier, e glas fuort. La furmia, che gavegua ingrumè nell'istà, una buogna provision, ella giera cuntienta nella sua chiasa. La zialla giera zuda sottatiera; e la crepagua de fam, e de fret. La ga priegià innallora la furmia; che la ghe dares un puoc de magnar; tant, che no la crepa de fam. La furmia ghe dis, e dola ti se zuda nel cour dell'istà? perché no ti ga fat in kuel tiemp provision? In istà, dis la zialla mi chiantegua; e fegua goder quei che passegua. E la furmia va disienti: se d' istà, ti chiantegui, ades, che se invier, e ti bala.