Differenze tra le versioni di "Poesie italiane/Amoroso"

m
nessun oggetto della modifica
m (Bot: creazione area dati)
m
</div></onlyinclude><!-- a qui -->{{Qualità|avz=75%|data=12 luglio 2008|arg=sonetti}}{{IncludiIntestazione|sottotitolo=Amoroso|prec=../Per la crocifissione di Giacopo Bellino|succ=../Amoroso II}}
 
<pages index="Poesie italiane.djvu" from=66 to=66 fromsection= tosection= />
<poem>
 
Dunque esser puote, o pregio mio sovrano,
Che eterno viva in vostro cuor lo sdegno?
E sarà l’error mio di scusa indegno?
{{R|4}}E il dar perdono atto cortese umano.
 
Se per torcer il viso allor ch’invano
Mi volgo a’ preghi, e voi placar m’ingegno,
Indi fuggir, nè di pietà dar segno,
{{R|8}}Mi poteste da voi tener lontano,
 
Mentre vosco di star solo mi cale;
D’uopo già non vi fora usar altr’arte,
{{R|11}}Per far di me vendetta aspra, e mortale.
 
Ma poichè il mio pensier non si diparte
Da voi già mai, tanto rigor che vale?
{{R|14}}Il pensier è de l’uom la miglior parte.
</poem>