Differenze tra le versioni di "Pagina:Le confessioni di un ottuagenario II.djvu/113"

 
  Cosa significano le icone?  Cosa significano le icone?
-
Pagine SAL 50%
+
Pagine SAL 75%
Intestazione (non inclusa):Intestazione (non inclusa):
Riga 1: Riga 1:
  +
<div class="pagetext">{{RigaIntestazione||{{Sc|capitolo decimoterzo.}}|105}}<div class="pagetext">
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 1: Riga 1:
<span class="SAL">113,2,Valg</span>CAPITOLO DECIMOTERZO. 105
+
<span class="SAL">113,3,Aleph0</span>
  +
Oh come mi trovai solo, misero, abbandonato al ritoccare il lastrico della Piazzetta!... L’anima mia corse con
 
un sospiro alla Pisana ; ma la fermai a mezza strada col
+
Oh come mi trovai solo, misero, abbandonato al ritoccare il lastrico della Piazzetta!... L’anima mia corse con un sospiro alla Pisana; ma la fermai a mezza strada col
  +
pensiero di Giulio e dell’ufficiai còrso. Mi rimisi allora a piangere la morte di Leopardo, e ad onorare la sua memoria di quei postumi compianti, che formano l’elogio funebre d’un amico. Piansi e farneticai un pezzo, finché per distrarmi pensai alla credenziale, e mi volsi a san Zaccaria per abboccarmi col negoziante greco. Trovai un mustacchione grigio di pochissime parole, che onorò la firma di mio padre, e mi chiese senz’altro in qual modo bramassi esser pagato. Gli risposi che desiderava solo gli interessi d’anno in anno, e che il capitale lo lascierei volentieri in mani così sicure. Il vecchio allora diede una specie di grugnito, e comparve un giovine al quale consegnò il foglio, aggiungendo in greco qualche parola che non potei capire. Mi disse poi che quello era suo figlio, e che n’andassi pure con lui alla cassa, ove mi sarebbe contata la somma secondo il mio piacimento. Quanto era ruvido e brontolone il vecchio negoziante, altrettanto suo figlio Spiridione piaceva per le sue maniere amabili e compite. Grande e svelto di statura, con un profilo greco, moderno, arditissimo, un colore più che olivastro, e due occhi fulminei, egli mi entrò in grazia al primo aspetto. Intravidi una
pensiero di Giulio e dell’ufficiai còrso. Mi rimisi allora a
 
piangere la morte di Leopardo, e ad onorare la sua memoria
 
di quei postumi compianti, che formano l’elogio funebre d’un
 
amico. Piansi e farneticai un pezzo, finché per distrarmi
 
pensai alla credenziale, e mi volsi a san Zaccaria per ab
 
boccarmi col negoziante greco. Trovai un mustacchione
 
grigio di pochissime parole , che onorò la firma di mio padre, e mi chiese senz’altro in qual modo bramassi esser
 
pagato. Gli risposi che desiderava solo gli interessi d’anno
 
in anno, e che il capitale lo lasciereì volentieri in mani così
 
sicure. II vecchio allora diede una specie di grugnito , e
 
comparve un giovine al quale consegnò il foglio , aggiungendo in greco qualche parola che non potei capire. Mi
 
disse poi che quello era suo figlio, e che n’andassi pure
 
con lui alla cassa, ove mi sarebbe contata la somma secondo il mio piacimento. Quanto era ruvido e brontolone
 
il vecchio negoziante, altrettanto suo figlio Spiridione piaceva per le sue maniere amabili e compite. Grande e
 
svelto di statura, con un profilo greco, moderno, arditissimo, un colore più che olivastro, e due occhi fulminei,
 
egli mi entrò in grazia al primo aspetto. Intravidi una
 
 
grand’anima sotto quella sembianza, e secondo la mia
 
grand’anima sotto quella sembianza, e secondo la mia
usanza l’amai addirittura. Egli mi snocciolò trecento cinquanta ducati nuovi fiammanti , mi chiese scusa sorridendo
+
usanza l’amai addirittura. Egli mi snocciolò trecento cinquanta ducati nuovi fiammanti, mi chiese scusa sorridendo della burbera accoglienza di suo padre, e soggiunse che non me ne spaventassi perché egli gli avea parlato di me quella stessa mattina con tutto il favore, e che sarei il benvenuto nella loro casa, ove avrei ritrovato la confidenza e la pace della famiglia. Io lo ringraziai di sì benevoli sentimenti, soggiungendo che questo sarebbe stato il mio più soave piacere, ove un qualche caso straordinario mi
della burbera accoglienza di suo padre, e soggiunse che
 
non me ne spaventassi perchè egli gli avea parlato di me
 
quella stessa mattina con tutto il favore , e che sarei il
 
benvenuto nella loro casa , ove avrei ritrovato la confidenza
 
e la pace della famiglia. Io lo ringraziai di si benevoli
 
sentimenti, soggiungendo che questo sarebbe stato il mio
 
più soave piacere, ove un qualche caso straordinario mi
 
1 987

contributi