Differenze tra le versioni di "Decameron/Giornata quinta/Novella decima"

standardizzata
m (Robot: Automated text replacement (-\{\{Template\:Decameron\}\} +{{opera\n|NomeCognome=Giovanni Boccaccio\n|TitoloOpera=Decameron\n|NomePaginaOpera=Decameron\n|AnnoPubblicazione=\n))
(standardizzata)
|NomePaginaOpera=Decameron
|AnnoPubblicazione=
|TitoloSezione=[[Decameron/5a giornata|Quinta giornata]]<br/>Novella Decima
 
}}
{{Template:Decameron giornata|5}}
{{capitolo
 
|CapitoloPrecedente== Novella Decima ==Nona
|NomePaginaCapitoloPrecedente=Decameron/5a giornata/Novella Nona
 
|CapitoloSuccessivo=Conclusione
|NomePaginaCapitoloSuccessivo=Decameron/5a giornata/Conclusione
}}
''Pietro di Vinciolo va a cenare altrove; la donna sua si fa venire un garzone; torna Pietro; ella il nasconde sotto una cesta da polli; Pietro dice essere stato trovato in casa d'Ercolano, con cui cenava, un giovane messovi dalla moglie; la donna biasima la moglie d'Ercolano; uno asino per isciagura pon piede in su le dita di colui che era sotto la cesta; egli grida; Pietro corre là, vedelo cognosce lo 'nganno della moglie con la quale ultimamente rimane in concordia per la sua tristezza.''
 
 
Dopo la cena, quello che Pietro si divisasse a sodisfacimento di tutti e tre, m'è uscito di mente. So io ben cotanto che la mattina vegnente infino in su la piazza fu il giovane, non assai certo qual più stato si fosse la notte o moglie o marito, accompagnato. Per che così vi vo' dire, donne mie care, che chi te la fa, fagliele; e se tu non puoi, tienloti a mente fin che tu possa, acciò che quale asin dà in parete tal riceva.
{{capitolo
|CapitoloPrecedente=Novella Nona
|NomePaginaCapitoloPrecedente=Decameron/5a giornata/Novella Nona
|CapitoloSuccessivo=Conclusione
|NomePaginaCapitoloSuccessivo=Decameron/5a giornata/Conclusione
}}
3 955

contributi