Differenze tra le versioni di "Elettrotecnica e sicurezza del 1867"

nessun oggetto della modifica
m (Bot: creazione area dati)
</ref> schematicamente un’ipotesi di sette case cantoniere che sorgevano in genere a circa 2 chilometri di distanza. I circuiti permettono quindi il distanziamento di un treno ogni cantoniera. Le cantoniere sono disegnate alternativamente ai due lati del binario solo per maggior chiarezza grafica e i circuiti si presentano nella realtà come normali cavi telegrafici; se la linea era a doppio binario erano necessari due Apparati.'' ''
 
[[Immagine:Elettrotecnica e sicurezza del 1867-Figura 1.png|thumb|400px|Figura 1]]
<center>'''''Figura 1 -'''''</center>
 
Per prima cosa notiamo come le cantoniere agli estremi siano dotate di un solo circuito e Ceradini le chiama ''semplice stazione d’allarme'' mentre invece le cantoniere intermedie saranno dotate di due circuiti e chiamate ''doppia stazione di allarme''.
In ''Figura 2'' possiamo vedere, di fianco e davanti, l’''apparecchio alternante'' che –appunto– ha la funzione di “alternare la possibilità” della corrente elettrica di procedere o meno nei circuiti. A questa parte dell’''hardware'' è destinato il compito di ''predisporre'' l’apparato per un ''eventuale ''allarme''. ''Quando la ''parte mobile'' eccita il ''circuito disponente,'' la tensione mette in funzione l’''apparecchio alternante.''
 
[[Immagine:Elettrotecnica e sicurezza del 1867-Figura 2.png|thumb|400px|Figura 2]]
<center>'''''Figura 2 -'''''</center>
 
Questo componente dell’Apparato è costituito da “''una ''<nowiki>[sic]</nowiki> ''elettromagnete''”'' ''e da una ''ruota d’interruzione.'' L’elettromagnete è direttamente collegato tramite i cavi del ''circuito disponente ''all’''apparecchio di contatto'' (posto fra le rotaie e descritto più sotto) e al secondo elettromagnete della cantoniera successiva. Il nucleo dell’elettromagnete è collegato all’elemento “'''''f'''''” mantenuto a riposo dalla molla “'''''h'''”'' (purtroppo invisibile nel disegno).
5.1.2. '''''L’apparecchio di contatto'''''
 
[[Immagine:Elettrotecnica e sicurezza del 1867-Figura 3.png|thumb|400px|Figura 3]]
<center>'''''Figura 3 -'''''</center>
 
L’''apparecchio di contatto'' è formato da due oppure quattro ''capocicli'' (dipende se la ''stazione d’allarme'' sarà ''semplice'' oppure ''doppia'') e dall’''interruttore''. L’''interruttore'' viene descritto nella ''Figura 4'', dove possiamo osservare, a sinistra lo spaccato visto di fianco e, a destra, la vista. La leva dell’interruttore è il braccio “'''''b'''''”, meglio visibile a destra, che viene spostato da una delle ''ali'' montate sotto la locomotiva. In mancanza di sollecitazioni meccaniche questo pendolo è mantenuto in posizione normalmente verticale da un peso. All’interno della cupola, il braccio “'''''b'''''” è collegato ad un tamburo metallico il cui bordi esterni sono isolati tranne il piccolo settore posto sulla verticale. Con il braccio “'''''b'''''” in posizione verticale, la corrente elettrica passa dalle molle “'''''r'''''” o “'''''s'''''” e viene scaricata a terra attraverso il settore non isolato e il perno “'''''n'''''” (il circuito è chiuso).'' ''Con lo spostamento del pendolo, la tensione passa attraverso le molle “'''''r'''''” e anche “'''''s'''''” al ''circuito disponente ''composto dagli elettromagneti “'''c'''” e “'''c’ “ '''dell’''apparecchio alternante'' e il filo che li collega (il circuito è aperto). Un treno proveniente dalla sinistra dell’immagine utilizza il lato isolato destro del cerchio “'''''q'''''”. Viceversa, per un treno proveniente da destra viene utilizzato il lato “'''''p'''''”.
 
[[Immagine:Elettrotecnica e sicurezza del 1867-Figura 4.png|thumb|400px|Figura 4]]
<center>'''''Figura 4 –'''''</center>
5.2. '''''La parte mobile'''''
23 434

contributi