Differenze tra le versioni di "Satire (Persio)/Note/Alla Satira V"

m
nessun oggetto della modifica
(Correzione pagina via bot)
m
<!-- Area dati: non modificare da qui: --><onlyinclude><div style="display:none"><section begin="sottotitolo" />Note alla [[Satire (Persio)/V|Satira V]]<section end="sottotitolo" />
{{Qualità|avz=75%|data=8 giugno 2008|arg=Da definire}}{{IncludiIntestazione|sottotitolo=Note alla [[Satire (Persio)/V|Satira V]]|prec=../Alla Satira IV|succ=../Alla Satira VI}}
<section begin="prec" />../Alla Satira IV<section end="prec" />
 
<section begin="succ" />../Alla Satira VI<section end="succ" />
<section begin="nome template" />IncludiIntestazione<section end="nome template" />
<section begin="data" />8 giugno 2008<section end="data" />
<section begin="avz" />75%<section end="avz" />
<section begin="nome template" />Qualità<section end="nome template" />
<section begin="arg" />Da definire<section end="arg" />
</div></onlyinclude><!-- a qui -->{{Qualità|avz=75%|data=8 giugno 2008|arg=Da definire}}{{IncludiIntestazione|sottotitolo=Note alla [[Satire (Persio)/V|Satira V]]|prec=../Alla Satira IV|succ=../Alla Satira VI}}
==__MATCH__:[[Pagina:Satire (Persio).djvu/104]]==
Orazio alle fonti d’Epicuro e Aristippo aveva attinte le massime di una indulgente e cortigianesca filosofia, quale a’ suoi tempi si confaceva. Persio piú austero d’Orazio, e vivente in tempi piú contaminati e difficili, predicò ne’ suoi versi le stoiche discipline; parlò della virtú non per pompa ma per sistema, non derise il vizio, ma lo esecrò; non pattuí col delitto, ma apertamente il perseguitò, e fu spettacolo degno di maraviglia il vedere la severità di Zenone e l’onestà di Crisippo negli scritti e sul volto di nobilissimo e bellissimo giovinetto. Quindi la tanta disparità che s’incontra nelle opere di questi due ingegni, dico d’Orazio e di Persio, ognuno de’ quali dipingendo se stesso e il suo secolo adoprò colori sí opposti, quanto lo erano le dottrine che professavano, quanto differiva la galanteria della corte d’Augusto dalle atroci libidini di Nerone. Il giovine discepolodi Cornuto si alza dunque di molto per rigore delle sentenze sopra il cinico amico di mecenate, e la presente satira ne fa prova. Considerati ambidue come filosofi, l’uno è Senocrate, l’altro è Diogene, ma Diogene colla porpora di Aristippo. L’uno inculca, e ciò che piú monta, mette in pratica i dogmi dell’onesto e del retto; l’altro li raccomanda colle parole, e li tradisce col fatto; l’uno è tutto pudore, l’altro lacera ad ogni passo il velo della verecondia con una disinvoltura tutta degna delle cene di Trimalcione; l’uno con angelica purità raccomanda ''composito jus fasque animo, sanctoque recessus Mentis, et incoctum generoso pectus onesto''; l’altro, ''tument... cum nguina, num si Ancilla , aut verna est præsto puer, impetus in quem Continuo fiat, mali tentigine rumpi? Non ego''. L’uno in somma è il catechismo della virtú, l’altro è l’apostolo della mollezza, e il breviario de’ cortigiani.