Apri il menu principale

Modifiche

nessun oggetto della modifica
| Anno di traduzione =1868
| Progetto =letteratura
| Argomento =Da definirepoesie
| URL della versione cartacea a fronte =Indice:Versi di Giacomo Zanella.djvu
| sottotitolo = {{{sottotitolo|}}}
| prec = {{{prec|}}}
| succ = {{{succ|}}}
}}</onlyinclude>
{{Centrato|
——
 
<pages index="Versi di Giacomo Zanella.djvu" from=383 to=385/>
{{Sc|della stessa}}
 
——
}}
 
 
<poem>
Signori dell’Oceano,
Ove dormono i vostri incliti morti?
Ov’è la tomba olimpica
Che la gloria poneva a’ vostri forti?
 
Stranier, gli abissi naviga;
Spandi le vele tutte quante a’ venti;
Foresta o mar non mormora,
{{R|4}}Che non ricovri d’Albïon gli spenti.
 
Allato alle piramidi,
Là di Sïene sull’adusta landa
Atroce il sol rifolgora,
{{R|8}}E l’immobile palma ombre non manda;
 
Sull’arsa landa assiduo
Incomba il sol di mezzo a’ firmamenti;
D’un pieno giorno al termine
{{R|12}}Là d’Albïon riposano gli spenti.
 
Romoreggiando infuria
L’uragano dell’Indo in sulla foce;
De’ tigri nelle tenebre
{{R|16}}Esterrefatto il Gange ode la voce;
 
Tigri, uragani infurino;
Più suon non v’ha che i Mani altrui sgomenti
Tocco il sereno vespero,
{{R|20}}Là d’Albïon riposano gli spenti.
 
I tuoi deserti, America,
Precipitando la fiumana assorda;
Acute frecce incoccano
{{R|24}}Truci i Selvaggi sulla tesa corda;
 
Fischino i dardi: allaghino
L’immenso piano i turgidi torrenti;
Fornito il giorno e l’opera,
{{R|28}}Là d’Albïon riposano gli spenti.
 
De’ Pirenei sul vertice
Nevi e foreste il turbine tormenta;
Divelti rami e stipiti,
{{R|32}}Come foglie di rosa, in alto avventa;
 
Le nevi aggiri il turbine,
Getti schiantate le foreste a’ venti;
In Roncisvalle vinsero;
{{R|36}}Là d’Albïon riposano gli spenti.
 
A’ marinari orribile
Nel gelato Oceàn scende ia sera,
Quando il naviglio accerchiano
{{R|40}}Torpidi i ghiacci e fitto il ciel si annera;
 
Premano ghiacci e tenebre;
Già con bandiera ed albero i valenti
La loro via fornirono;
{{R|44}}Anche là d’Albïon dormon gli spenti.
 
Giganti dell’Oceano,
Industri eroi, guerrieri e marinari,
I picchi la piramide,
{{R|48}}La vostra fossa son le sabbie e i mari.
 
Stranier, gli abissi naviga;
Spandi le vele tutte quante a’ venti;
Foresta o mar non mormora.
{{R|52}}Che non ricovri d’Albïon gli spenti.
</poem>
{{Conteggio pagine|[[Speciale:Statistiche]]}}