Differenze tra le versioni di "Pagina:Opere di Procopio di Cesarea, Tomo I.djvu/139"

m
nessun oggetto della modifica
m
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 5: Riga 5:
 
''Giustiniano per avere denaro ordina a tutti i settarii di abbandonare i loro dogmi sotto pena di perdere i loro beni. Estende la legge ai Samaritani, e ai Gentili. Sedizioni, stragi, fughe, orrori. Processi per turpi amori. Crudeltà contro gli Astrologi. Come egli e Teodora usurpino i beni de' Senatori, e di ogni ricca persona. Le loro scelleratezze li fanno sospettare demonii piuttosto che creature umane. Dicerie in questo proposito.''
 
''Giustiniano per avere denaro ordina a tutti i settarii di abbandonare i loro dogmi sotto pena di perdere i loro beni. Estende la legge ai Samaritani, e ai Gentili. Sedizioni, stragi, fughe, orrori. Processi per turpi amori. Crudeltà contro gli Astrologi. Come egli e Teodora usurpino i beni de' Senatori, e di ogni ricca persona. Le loro scelleratezze li fanno sospettare demonii piuttosto che creature umane. Dicerie in questo proposito.''
   
E quasi nel tempo stesso a ruina de’ Romani suscitò sedizioni e guerre, onde in tutte le provincie, con diverse arti empiute di sangue, più ricche spoglie cogliesse. Hannovi in tutto l’Impero romano parecchie sette di Cristiani non approvate, e volgarmente dette eresie; quelle de’ Montanisti, de’ Sabbaziani, e di altri molti, che le menti degli uomini travvolgono. A tutti questi Giustiniano comandò che avessero ad abbandonare i loro dogmi e a chi così non facesse, tra le altre cose comminò che non avrebbe potuto lasciare i suoi beni né a parenti, né a’figli. Ne’ templi di questi chiamati eretici, e spezialmente in quelli degli Ariani, conservavansi ricchezze, le quali niuno potrebbe credere quante mai fossero. Ché né tutto intero il senato, né altra classe principalissima dell’Imperio, in fatto di ricchezze poteva<section end=s2/>
+
E quasi nel tempo stesso a ruina de’ Romani suscitò sedizioni e guerre, onde in tutte le provincie, con diverse arti empiute di sangue, più ricche spoglie cogliesse. Hannovi in tutto l’Impero romano parecchie sette di Cristiani non approvate, e volgarmente dette eresie; quelle de’ Montanisti, de’ Sabbaziani, e di altri molti, che le menti degli uomini travvolgono. A tutti questi Giustiniano comandò che avessero ad abbandonare i loro dogmi e a chi così non facesse, tra le altre cose comminò che non avrebbe potuto lasciare i suoi beni né a parenti, né a’figli. Ne’ templi di questi chiamati eretici, e spezialmente in quelli degli Ariani, conservavansi ricchezze, le quali niuno potrebbe credere quante mai fossero. Ché né tutto intero il senato, né altra classe principalissima dell’Imperio, in fatto di ricchezze<section end=s2/>
3 491

contributi