Differenze tra le versioni di "Pagina:Opere di Procopio di Cesarea, Tomo I.djvu/77"

nessun oggetto della modifica
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 1: Riga 1:
  +
{{Centrato}}{{xxx-larger|STORIA SEGRETA}}
I casi nelle militari loro spedizioni quasi fino al presente giorno occorsi ai Romani sì chiaramente ed ordinatamente io narrai, che ogni particolar fatto, per quanto mi fu possibile, disposi secondo i tempi e i luoghi in cui seguì. Non così farò al presente che intendo raccogliere qui le cose qua e là sparsamente pure accadute nell’Imperio romano. Del quale mio divisamento la ragione si é, che doveansi bensì scrivere anche queste } ma non parcarni conveniente l’esporle al pubblico fino a tanto che fossero per anco vivi gli operatori delle medesime } perciocché non avrei potuto né lungamente rimanermi occulto a tante spie adoperate, né salvarmi da crudelissima morte se fossi stato scoperto: ché nemmeno de’ più stretti parenti io poteva fidarmi. Altronde poi negli altri libri delle mie Storie parecchie volte fui obbligato a tacere le ca«gioni di molte cose avvenute. Per lo che sarà mio officio
 
  +
  +
  +
{{larger|DI}}
  +
  +
  +
{{xx-larger|PROCOPIO CESARIENSE
  +
}}
  +
  +
  +
----
  +
  +
  +
{{x-larger|''INTRODUZIONE.''}}</div>
  +
  +
 
{{xx-larger|I}} casi nelle militari loro spedizioni quasi fino al presente giorno occorsi ai Romani sì chiaramente ed ordinatamente io narrai, che ogni particolar fatto, per quanto mi fu possibile, disposi secondo i tempi e i luoghi in cui seguì. Non così farò al presente che intendo raccogliere qui le cose qua e là sparsamente pure accadute nell’Imperio romano. Del quale mio divisamento la ragione si é, che doveansi bensì scrivere anche queste } ma non parcarni conveniente l’esporle al pubblico fino a tanto che fossero per anco vivi gli operatori delle medesime } perciocché non avrei potuto né lungamente rimanermi occulto a tante spie adoperate, né salvarmi da crudelissima morte se fossi stato scoperto: ché nemmeno de’ più stretti parenti io poteva fidarmi. Altronde poi negli altri libri delle mie Storie parecchie volte fui obbligato a tacere le ca«gioni di molte cose avvenute. Per lo che sarà mio officio